Adolescenti e gioco d’azzardo, una guida per genitori e operatori

Il gioco d’azzardo è un fenomeno che riguarda anche molti adolescenti. Per dare un aiuto a genitori e operatori l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù ha realizzato una guida che offre suggerimenti su come riconoscere e gestire il problema e indica i percorsi terapeutici da seguire in caso di vera e propria dipendenza.
La guida – curata da Roberto Averna, dell’Unità operativa di Neuropsichiatria infantile – spiega cosa sono le dipendenze, cos’è il gioco d’azzardo patologico, quali sono i segnali a cui devono prestare attenzione i genitori, quali sono le cause del fenomeno e i possibili percorsi terapeutici. Un capitolo del volume, infine, è dedicato alla prevenzione.
«L’attenzione da parte della famiglia – sottolineano gli esperti dell’Ospedale Bambino Gesù – è fondamentale per cogliere tutti i segnali che indicano una possibile dipendenza. Tra questi, l’interesse continuo per il gioco d’azzardo, le ridotte capacità di controllo sul tempo dedicato a questa occupazione, il disinteresse per lo studio e per le altre attività ricreative, il calo della resa scolastica, le frequenti assenze ingiustificate, l’ansia, l’irritabilità, gli atteggiamenti aggressivi non motivati, i disturbi del sonno e l’insorgere di comportamenti fino a quel momento considerati inusuali come mentire ripetutamente o rubare in casa».

Continua a leggere l’articolo sul sito www.minori.it e consulta la guida sul sito dell’Ospedale Bambino Gesù